Lumen Museo: Splendore d’Arte nella Luce del Futuro

Lumen museo

Lumen museo: info utili, curiosità, indicazioni

Nel cuore delle Alpi del Sud Tirolo, avvolto dall’imponente scenario delle Dolomiti, sorge un’istituzione dedicata interamente al richiamo della luce e dell’immagine nel contesto montano: il Lumen. Questo spazio espositivo, che si estende su più di quattro piani, propone un viaggio coinvolgente attraverso la fotografia di montagna, celebrando la storia, l’arte e la passione per l’alpinismo.

La struttura, ubicata a Plan de Corones, non è solamente un punto di riferimento per gli amanti della fotografia, ma anche un centro culturale che esplora il rapporto unico che lega l’uomo alle vette impervie. Attraverso le sue sale, i visitatori possono immergersi in un percorso che abbraccia la tradizione di catturare la maestosità dei paesaggi alpini, dall’era della fotografia analogica ai più moderni approcci digitali.

Il museo ospita collezioni permanenti e mostre temporanee, dove le immagini di rinomati fotografi si fondono con installazioni multimediali per creare un’esperienza sensoriale ed emotiva. Anche l’architettura dell’edificio contribuisce all’esperienza, con ampie vetrate che incorniciano i panorami circostanti e permettono alla luce naturale di accentuare la potenza delle opere esposte.

Oltre alle gallerie, il Lumen include aree dedicate a seminari, workshop e eventi, fungendo da luogo di incontro e scambio per professionisti e appassionati. La sua posizione, direttamente sulle piste da sci e i sentieri escursionistici, lo rende facilmente accessibile agli sportivi e agli amanti della natura, che possono coniugare l’esperienza culturale con il piacere dell’attività all’aria aperta. Con la sua attenzione alla cultura visiva e la sua integrazione con l’ambiente alpino, questo spazio espositivo si afferma come una destinazione imperdibile per chiunque sia interessato al dialogo tra arte, natura e avventura.

Storia e curiosità

Inaugurato nel dicembre 2018, il Lumen Museum è frutto di un progetto ambizioso che mira a fondere il patrimonio fotografico legato alla montagna con l’architettura contemporanea. Realizzato all’interno della ex stazione a monte della funivia di Plan de Corones, la struttura è stata trasformata in un moderno tempio dedicato alla luce e alla fotografia grazie al lavoro dell’architetto Gerhard Mahlknecht. L’acciaio corten, il legno e il vetro sono gli elementi che caratterizzano la facciata, riflettendo l’essenza del paesaggio alpino circostante.

Una delle curiosità del museo è la sua locazione: Plan de Corones, noto in italiano come Kronplatz, è una delle montagne più rinomate delle Alpi, un paradiso per gli sciatori in inverno e per gli amanti del trekking in estate. La posizione elevata a 2275 metri offre viste spettacolari che da sole valgono la visita.

All’interno, il museo cela tesori inestimabili, tra cui la famosa “Camera Obscura”, che offre ai visitatori un’esperienza visiva unica, capovolgendo il paesaggio esterno e proiettandolo all’interno di una stanza buia. Questo elemento richiama le radici storiche della fotografia e sorprende per il suo effetto ottico inaspettato. Il Lumen ospita inoltre una vasta collezione di apparecchi fotografici storici, che raccontano l’evoluzione tecnologica della fotografia di montagna dagli albori ai giorni nostri.

Tra le opere di maggiore importanza, spiccano le fotografie originali di alpinisti e esploratori leggendari, i cui scatti hanno documentato le gesta eroiche e le spedizioni in ambienti estremi. Questi documenti visuali non solo celebrano le imprese umane, ma anche la sublimità dei paesaggi montani, fungendo da testimonianza del cambiamento di questi habitat nel tempo. In aggiunta, il Lumen offre una panoramica sulle attuali questioni ambientali legate alle montagne, promuovendo la consapevolezza e la riflessione sulla loro salvaguardia.

Un altro elemento di rilievo è lo spazio dedicato alla fotografia di montagna contemporanea, dove le opere di fotografi moderni mostrano come la tecnica e l’estetica di questo genere si siano evolute, spesso con una forte componente concettuale o narrativa. Attraverso queste immagini, il museo celebra la montagna non soltanto come scenario ma anche come soggetto e fonte di ispirazione artistica.

Lumen museo: come raggiungerlo

Per visitare questo tempio dedicato all’arte della fotografia di montagna, ubicato a Plan de Corones, gli appassionati possono scegliere tra diverse opzioni di viaggio. Gli amanti della natura potranno approfittare della funivia, che parte da diverse località circostanti e offre un tragitto incantevole con viste mozzafiato sulle vette dolomitiche. Chi preferisce viaggiare su quattro ruote può utilizzare il parcheggio presso la stazione a valle e salire con gli impianti di risalita. In estate, i sentieri escursionistici sono un’alternativa perfetta per chi desidera unire l’escursionismo alla cultura, permettendo di raggiungere la vetta a piedi. Infine, durante la stagione invernale, gli sciatori hanno la comodità di accedere direttamente dalle piste, godendo di una pausa culturale tra una discesa e l’altra.