italia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).

RUBY, MARCEGAGLIA RITIRA LA FIRMA DALL'APPELLO ANTI-PREMIER: "PENSAVO FOSSE SULLE PARI OPPORTUNITA'"

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).

La presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, inverte la rotta sull'appello alle donne italiane promosso da L'Unità con l'editoriale del direttore Concita Di Gregorio 'Per dire basta'. "È stato un misunderstanding".

Così ha dichiarato la presidente di Confindustria in una nota, "pensavo di firmare il manifesto per l'agenzia per le pari opportunità, di cui avevo letto qualcosa sul Messaggero". Un errore, quindi: "Non l'ho firmato e non lo condivido", ha rimarcato Marcegaglia. Era stato proprio il giornale diretto da Concita Di Gregorio a rendere noto che la presidente di Confindustria fosse tra i firmatari dell'appello. Un appello centrato su un passaggio dell'editoriale pubblicato da Concita Di Gregorio: "Quel che non possiamo consentire - si legge nell'editoriale-appello - è che questo delirio senile di impotenza declinato da un uomo che ha i soldi (e come li ha fatti, a danno di chi, non ve lo domandate mai?) per pagare e per comprare cose e persone, prestazioni e silenzi, isole e leggi, deputati e puttane portate a domicilio come pizze, continui ad essere il primo fra gli italiani, il modello, l'esempio, la guida, il padrone". A sottoscriverlo, finora senza altre smentite, la segretaria generale della Cgil, Susanna Camusso, Anna Finocchiaro, presidente dei Senatori del Pd, Maria Ida Germontani, senatrice di Futuro e Libertà; Flavia Perina, direttrice del Secolo d'Italia, e Carla Cantone, segretaria generale della Spi Cgil. E poi Dacia Maraini, Barbara Alberti, Evelina Christillin, Matilde Bernabei, Alba Parietti, Emma Dante, Michela Murgia, Isabella Ferrari, Maria Sole Tognazzi, Nicla Vassallo, Barbara Lanati e - recita una nota de L'Unità - altre imprenditrici e sindacaliste, attrici e scrittrici, accademiche e giornaliste.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]