italia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).

ACCA LARENTIA: GIAMBRONE (IDV) E IL FIGLIO ORA CHIEDONO SCUSA

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - italia domani

Le scuse dopo lo sfregio alla memoria della strage di Acca Larentia. Il senatore dell'Idv Fabio Giambrone si dissocia, anche a nome del figlio, dal contenuto del messaggio pubblicato su Facebook.

Un post nel quale si esalta l'omicidio dei tre giovani militanti del Fronte della Gioventù assassinati il 7 gennaio del 1978. 'Mio figlio – ha argomentato Giambrone - ha pubblicato un messaggio che ha trovato sulla rete come tanti messaggi che i ragazzi della sua eta' pubblicano su facebook. Appena ha aperto il video e si è reso conto della gravità' delle parole che vi erano contenute non solo lo ha immediatamente rimosso ma si e' autosospeso da facebook e mi ha informato immediatamente di quello che aveva fatto''. ''Mio figlio -spiega il senatore Idv- ha 15 anni e non voleva certo mancare di riguardo alle famiglie delle vittime. Posso garantire che né lui né io abbiamo in nessun modo alcun sentimento giustificazionista per le violenze di quegli anni, da qualsiasi parte siano arrivate: non appartiene alla cultura mia, né tanto meno a quella di mio figlio che e' ancora oggi mortificato per l'accaduto. Chiedo scusa a nome di mio figlio alle famiglie dei tre ragazzi che in nessun modo - conclude Giambrone - lui aveva intenzione di offendere, come confermato dalla immediata rimozione del video e del messaggio''.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]