italia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Racket

Usura: tasso annuo al 240%, tre arresti a Reggio Calabria

8 mila euro la richiesta. Ne ha dovuti restituire 28000
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Triste storia di usura con un lieto fine.  Aveva ricevuto un prestito di 8.000 euro, ma alla fine è stato costretto a restituirne 28 mila in un paio d'anni, ad un tasso annuo di interessi del 240%. È quanto accaduto ad un imprenditore di Reggio Calabria che alla fine, esasperato per le continue richieste, ha denunciato i suoi usurai che sono stati arrestati stamani dai carabinieri. I tre, Pasquale Lucisano, di 65 anni, Michele Nucera (43), e Antonio Serra (81), sono accusati anche di estorsione. L'imprenditore, nel 2007, attraversando un particolare momento di difficoltà economica, era stato avvicinato da Lucisano, detto 'Lillo', il quale, secondo l'accusa, era un mediatore di Nucera e Serra.  L'imprenditore, per fare fronte alle crescenti richieste degli usurai, è stato costretto a chiedere aiuto anche ai familiari che, a loro volta, hanno acceso anche finanziamenti in istituti di credito. Le indagini, oltre ad accertare il giro d'usura, ha portato anche alla scoperta di un'estorsione commessa da Serra nei confronti dell'imprenditore. Questo, per intimidire e vessare la vittima, ha avviato un'azione legale per recuperare somme di denaro relative al prestito usurario con la richiesta di liquidazione di fatture per merce mai acquistata nelle attività commerciali riconducibili a Serra con l'intento di procedere al pignoramento di parte dello stipendio della vittima. Le indagini, durate appena due mesi, hanno portato i carabinieri a individuare numerose altre vittime di usura. Dopo l'arresto dei tre, che le vittime collaborino con loro. , nel corso dell'operazione di stamani hanno sequestrato due società riconducibili agli arresati, per un valore di 500 mila euro, operanti nel settore del commercio mobili ed elettrodomestici.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]