italia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Dal Febbraio 2002

Detenuto 7 anni a Guantanamo, Gup scarcera tunisino

Anche il Procuratore ne aveva chiesto la scarcerazione
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Scarcerato il presunto terrorista tunisino Ben Mabrouk Adel, detenuto per oltre sette anni a Guantanamo e consegnato all'autorità giudiziaria italiana il 30 novembre 2009 in base a un accordo tra Italia e Usa. La scarcerazione è stata disposta dal gup Maria Vicidomini, dopo la condanna con rito abbreviato a 2 anni di reclusione con la sospensione condizionale della pena per associazione per delinquere aggravata dalle finalità terroristiche. L'imputato era stato consegnato all'Italia insieme a un altro detenuto di Guantanamo, Riad Nasri, condannato nelle scorse settimane da un altro giudice e ancora in carcere. Prima di essere estradato, era rimasto detenuto a Guantanamo dal 9 febbraio 2002 e prima ancora in una prigione militare in Afghanistan. A chiedere per il tunisino la concessione delle attenuanti generiche che hanno portato alla scarcerazione è stato lo stesso procuratore aggiunto Armando Spataro, secondo il quale l'uomo ha già sofferto una lunga e illegittima detenzione avvenuta, a suo dire, con modalità disumane. Spataro si è rivolto al gup spiegando che la carcerazione sofferta dal tunisino nella base militare statunitense «non è concepibile in una democrazia». L'avvocato Giusy Regina, che difende il tunisino, ha sostenuto che il suo assistito, vista la carcerazione subita «non deve stare in carcere un giorno di più».

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]