italia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).

Mafia

Omicidio De Mauro, assolto Totò Riina

A 41 dall'uccisione del giornalista de 'L'Ora' la sentenza di assoluzione del boss mafioso. La sorella della vittima:"Molto turbata"
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

La Corte d'Assise di Palermo ha assolto il boss mafioso Totò Riina per il sequestro e l'omicidio del giornalista de 'L'ora', Mauro de Mauro, rapito il 16 settembre 1970 sotto la sua abitazione. I giudici, dopo dieci ore di camera di consiglio, hanno emesso la sentenza respingendo la richiesta del carcere a vita fatta al termine della requisitorio dal pm. Ad assistere alla lettura della sentenza la figlia di De Mauro, Franca. «Sono molto turbata per l'assoluzione di Riina». Sono queste le prime parole pronunciate da Franca De Mauro, figlia del giornalista Mauro De Mauro che ha assistito nell'aula bunker di Palermo alla lettura della sentenza sull'omicidio del padre, ucciso 40 anni fa. La Corte ha trasmesso gli atti al Pubblico Ministero perchè proceda per falsa testimonianza nei confronti dell'ex funzionario del Sisde Bruno Contrada, dei giornalisti Pietro Zullino e Paolo Pietroni e dell'avvocato Giuseppe Lupis. Gli ultimi tre avrebbero avuto collegamenti con i servizi segreti e avrebbero avuto un ruolo depistante nelle indagini. 

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]