italia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Nel giorno della morte della madre

Negata la semilibertà a Vallanzasca

Il tribunale di sorveglianza boccia la richiesta del 'bel Renè'
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Il tribunale di sorveglianza di Milano ha respinto la richiesta avanzata da Renato Vallanzasca, il boss della mala milanese degli anni '70, per ottenere la semilibertà. La decisione dei giudici è arrivata nel giorno della morte della madre del 'Bel Renè', condannato a quattro ergastoli e 260 anni di carcere collezionati nella sua lunga storia criminale, segnata anche da evasioni record. Il 'bel Renè' ha trascorso 38 anni in galera e attualmente beneficia comunque del permesso al lavoro esterno, e può uscire per andare a lavorare in una pelletteria, per poi far ritorno la sera nel carcere di Bollate. Nel motivare il no alla richiesta di Vallanzasca, il tribunale avrebbe fatto riferimento anche ad una recente denuncia a suo carico per oltraggio a pubblico ufficiale. A fine dicembre scorso, infatti, il bel Renè mentre stava trascorrendo qualche giorno a Mondragone (Caserta), grazie a un permesso, era stato denunciato dai carabinieri per essersi rivolto con offese e insulti ai militari che erano andati a controllarlo in albergo. 'Non sono un detenuto da quattro soldi', avrebbe detto, stando al verbale dei militari. L'udienza relativa all'istanza era stata discussa alcuni giorni fa e Vallanzasca, che nei mesi scorsi ha visto 'bocciatà anche una richiesta di liberazione condizionale, non si era presentato davanti ai giudici.Vallanzasca ha comunque passato in galera già 38 anni gode però del permesso al lavoro esterno, e può uscire per andare a lavorare in una pelletteria, per poi far ritorno la sera nel carcere di Bollate. (SS)

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]