italia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Internazionali d'Italia di Tennis

Roger saluta il Foro Italico, out anche Starace

Roger saluta il Foro Italico, out anche StaraceRoger Federer esce a sorpresa contro il francese Gasquet, grande talento del tennis mondiale, mai davvero esploso
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Roger Federer (nella foto di Marco Mazzoni) perde in tre set contro il talentuoso francese Richard Gasquet, uscendo così agli ottavi di finale degli Internazionali d'Italia 2011. E' un torneo "stregato" per Roger, uno dei pochissimi in carriera che non è riuscito a vincere, strappando due finali (2003 contro Mantilla e 2006 contro Nadal, una delle più belle di tutti i tempi qua a Roma). Oggi lo svizzero era partito molto bene, andando avanti nel punteggio e giocando con classe, ma sempre con poca continuità, tanto che il francese, molto ben presente in campo, c'ha messo molto del suo per estromettere l'ex n.1 svizzero. Rovesci di una bellezza clamorosa, buoni servizi, e per una volta anche pochi errori di dritto per il francese, il tutto condito da un'ottima tattica e consistenza fisica. Tanto che mentre Roger pareva scemare d'intensità via via che il match si allungava, il francese è salito in cattedra, non concedendo che le briciole sul proprio servizio e riuscendo a vincere quasi tutti gli scambi più combattuti. Un Gasquet nuovo, che sta iniziando a trovare i frutti del lavoro che sta svolgendo da qualche mese con Riccardo Piatti, coach italiano che ha portato al n.3 del mondo Ljubicic e lanciato un giovanissimo Djokovic. Gliel'abbiamo chiesto in sala stampa, e ci ha confermato che "il lavoro con Piatti sta dando ottimi frutti, sono contento per voi italiani visto che lui è italiano e ovviamente per me, devo solo continuare in questa strada per crescere il più possibile". Infatti Gasquet è uno dei talenti tecnici migliori che il tennis mondiale ha prodotto negli ultimi anni, ma per mancanza di fisico, grinta e cosistenza (e qualche condotta fuori dal campo non proprio esemplare come il "bacio alla cocaina" che gli costò una discussa inchiesta per doping poi archivata) non è mai esploso per come ci si potesse aspettare. Il compito di Piatti è proprio quello di farlo diventare un giocatore consistente, e in questi pochi mesi di lavoro assieme si inizia a vedere qualcosa di buono. Roger infatti ha detto, giustificando la sua sconfitta: "Non stupitevi se lui vince... è un giocatore di enorme talento che può vincere questi match, anzi, avrebbe dovuto vincerne di più e prima... Il mio match? Noh giocato male, sono partito bene, poi però le cose si sono complicate e lui nei momenti decisivi ha giocato meglio di me. Pensavo di riuscire a vincere il tiebreak si, ma le cose poi non sono andate come speravo". Chapeau per la classe nella sconfitta, ma visto che Nadal non è in buona forma, e vista l'ottima prestazione di Roger contro Rafa a Madrid (seppur sconfitto), ci si aspettava un Federer in crescita di condizioni in vista di Parigi, non una sconfitta così imprevista. "Adesso mi prenderò 3-4 giorni di riposo che non fa mai male prima di uno Slam, e poi inizierò a lavorare bene per il Roland Garros". Una sconfitta che riporta alla mente quella che Gasquet inflisse a Roger nel lontano 2005, quando fu proprio quel match a portare l'enfant prodige transalpino agli onori della cronaca, come possibile nuovo Re del tennis. Non è mai troppo tardi... almeno lo sperano coloro che amano un tennis poco muscolare e molto tecnico, incarnato alla perfezione dal francese.

Esce di scena l'ultimo azzurro in gara, Potito Starace, battuto nettamente (6-2 6-3) dallo scozzese Andy Murray. Molto sincero il campano: "Lui mi ha tolto il tempo sulla palla, anticipando tutto e giocando benissimo, mi ha tolto le mie armi migliori e posso solo fargli i complimenti. Quando perdi giocando contro il n.4 del mondo che è in questa forma, non c'è molto altro da dire. Però sono contento del mio torneo e del mio livello di gioco attuale. Mi fermerò la prossima settimana, mi sono cancellato da Nizza, in modo da preparare bene il Roland Garros".

Domani sul centrale (non prima delle 15) Francesca Schiavone contro Sam Stosur, appena dopo il match tra Rafael Nadal e Marin Cilic.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]