italia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Operazione dei Carabinieri

Interrotto summit 'Ndrangheta, arrestati 3 latitanti

Usavano i cani addestrati per essere avvisati dell'arrivo della Forze dell'Ordine
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Usavano alcuni cani per dare l'allarme in caso di arrivo delle forze dell'ordine ed avere così il tempo di fuggire i tre latitanti affiliati alla cosca Bellocco della 'ndrangheta arrestati dai carabinieri a Candidoni mentre stavano tenendo un vertice operativo nella casa di campagna in cui si nascondevano. I latitanti arrestati sono Vincenzo Ascone, di 31 anni, di Gioia Tauro, e Pasquale e Rocco Furuli, di 35 e 24 anni, entrambi di Rosarno. I tre erano ricercati sulla base di provvedimenti restrittivi emessi su richiesta delle Procure della Repubblica di Reggio Calabria e Palmi. La quarta persona arrestata con l'accusa di favoreggiamento è Damiano Consiglio (23), anch'egli di Rosarno, che avrebbe aiutato i tre latitanti a sottrarsi alle ricerche da parte delle forze dell'ordine. Nell'abitazione in cui si nascondevano i quattro arrestati i carabinieri hanno sequestrato alcuni sacchi a pelo e telefoni cellulari. I tre latitanti, inoltre, erano in possesso delle chiavi di altri fabbricati rurali della zona che utilizzavano come nascondigli. Anche Damiano Consiglio, così come i tre latitanti, viene considerato contiguo alla cosca dei Bellocco della 'ndrangheta. Rocco Furuli, tra l'altro, è il proprietario dell'automobile con cui Giuseppe Ceravolo, di Rosarno, investì un immigrato ghanese durante gli scontri nel gennaio dello scorso anno tra un gruppo di abitanti ed alcuni clandestini africani.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]