italia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).

Emergenza esodo

Frattini in visita in Tunisia per ricucire lo strappo diplomatico con Maroni

"L'Italia può offrire importanti strumenti navali e terrestri per il pattugliamento della costa tunisina"
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Spetta al ministro degli Esteri Franco Frattini ricucire lo strappo consumato tra il portavoce del governo di Tunisi e il ministro dell'Interno Maroni. Il titolare del Viminale aveva ipotizzato, per fare fronte all'esodo biblico proveniente dai Paesi del Maghreb teatro della sollevazioni di piazza contro i regimi Mubarak e Ben Alì, il dispiegamento dei nostri contingenti in Tunisia. Una misura per arginare gli sbarchi di clandestini che si stanno moltiplicando in queste ore sulle coste siciliane con una situazione particolarmente critica a Lampedusa. Proprio oggi Frattini farà visita in Tunisia dove incontrerà il primo ministro tunisino Mohammed Gannouchi. "Credo che Tunisia e Italia - ha spiegato Frattini, che da ieri sera è a Damasco - abbiano un interesse comune a frenare questo traffico. L'Italia può offrire molto alla Tunisia", a partire da "un aiuto logistico in termini di equipaggiamento delle forze di polizia, ivi compresa la messa a disposizione di strumenti importanti, sia navali sia terrestri, per il pattugliamento della costa tunisina". Il capo della diplomazia italiana punta ad ottenere nella visita di oggi "la conferma della volontà di lavorare con l'Italia come sempre si è fatto per frenare quel flusso migratorio irregolare che da zero è passato in poche ore ad alcune migliaia di immigrati clandestini". "C'è un traffico di esseri umani senza precedenti, un orribile business alle spalle di disperati, di gente che paga 1.000 dollari a testa per mettersi su un barcone verso Lampedusa. Credo che Tunisia e Italia - ha concluso il ministro - abbiano interesse comune a frenare questo traffico". (SS) 

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]