italia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).

Milano

Caso Ruby, i pm:"Prove evidenti contro Berlusconi" Lui:"Faccio causa allo Stato"

Il gip avrà 5 giorni per decidere. Il Premier non ci sta
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Contro Silvio Berlusconi c'è "l'evidenza della prova". Ne sono convinti i titolari dell'inchiesta milanese, Ilda Boccassini, Antonio Sangermano e Pietro Forno, che oggi hanno chiesto il giudizio immediato nei confronti del premier per entrambi i reati contestati, la concussione e la prostituzione minorile. Una soluzione, quella del rito immediato, che prevede uno sconto di un terzo della pena, saltando direttamente l'udienza preliminare e facendo un potenziale processo solo con le carte finora raccolte. L'ultima parola spetta al gip Cristina Di Censo: dovrà valutare la fondatezza delle accuse, ma soprattutto se quanto raccolto meriti la 'corsia preferenzialè garantita dal rito alternativo. Una volta che il fascicolo è arrivato al settimo piano del palazzo di giustizia, il giudice ha cinque giorni di tempo, non vincolanti, per decidere se accogliere la richiesta. Se il gip non dovesse essere d'accordo invierebbe nuovamente il fascicolo alla procura che a questo punto potrebbe solo seguire il canale ordinario, passando da un altro gup e per un'udienza preliminare. Se il lavoro della procura venisse 'accettatò, ipotesi più verosimile, le carte finirebbero direttamente al Tribunale per la fissazione dell' udienza. Nel giro di due o tre mesi verrebbe fissato il via al dibattimento. In tutta questa fase, al collegio difensivo di Berlusconi il codice concede poche mosse: i legali possono solo depositare al gip una memoria in cui spiegano i motivi per opporsi all'immediato. Sarà la Di Censo, lo stesso giudice che il 16 dicembre del 2009 ordinò la custodia cautelare in carcere per Massimo Tartaglia, l'uomo che scagliò una statuetta contro Berlusconi, a decidere il destino giudiziario del premier. La reazione di Silvio Berlusconi non si fa attendere:"Alla fine nessuno pagherà, alla fine come al solito pagherà lo Stato. Farò una causa allo Stato visto che non c'è responsabilità dei giudici" ha annunciato il presidente del Consiglio. Le indagini dei giudici milanesi, avverte il Cavaliere, "hanno solo una finalità di disinformazione mediatica. Io non sono preoccupato per me, sono un ricco signore che può passare la sua vita a fare ospedali per i bambini del mondo"

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]