italia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Il Procuratore Caselli:"Soggetti pericolosi"

Torino, rapinano gioielleria poi vanno a pranzo. 4 arresti

La banda aveva già colpito altri esercizi commerciali
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Hanno rapinato una gioielleria,poi, sicuri di non essere seguiti, sono andati a pranzare al ristorante. Ma la squadra antirapina della questura di Torino aveva seguito tutti i loro movimenti e li ha arrestati all'interno del locale, a Balangero (Torino). Così sono finiti in carcere quattro rapinatori, due dei quali si trovavano in libertà vigilata. Una banda definita dal procuratore Giancarlo Caselli (nella foto) «pericolosa». I quattro sono Marco Di Muro, 37 anni, di Torino, pregiudicato in libertà vigilata; suo padre Nicola, 74 anni, di Torino; Giuseppe Mileto, 53 anni, di Caselle Torinese (Torino), pregiudicato anche lui il libertà vigilata; Massimiliano Bellini, 39 anni, di Nichelino (Torino). Ieri mattina, intorno alle 11:40, il loro ultimo colpo in una gioielleria di Germagnano (Torino). Bellini e Di Muro - secondo la ricostruzione degli investigatori -, armati di pistola, si sono fatti consegnare tutti i gioielli contenuti nella cassaforte, per un valore di circa 20 mila euro, quindi hanno rinchiuso la titolare e due commessi nel retro e dopo averli legati con fascette da elettricista, sono fuggiti a bordo di un'auto, che è stata abbandonata a breve distanza. Ad attenderli su un'altra vettura c'era Mileto. I tre hanno così raggiunto il ristorante a Balangero, dove due poliziotti, fingendosi clienti, li hanno arrestati. Nel frattempo, Nicola Di Muro veniva bloccato mentre si allontanava a bordo della sua automobile con la refurtiva.«Abbiamo prove imponenti - ha detto il procuratore di Torino, Giancarlo Caselli - e attendiamo la convalida del fermo da parte del Gip. Abbiamo elementi sufficienti per sostenere che si tratta di un gruppo di soggetti professionali e pericolosi. La polizia è riuscita a sgominare questa banda con tenacia, pazienza e un pò di fortuna»

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]