italia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
il PIL perde già l'1% nel 2013

ISTAT: 7 milioni di italiani in grave difficoltà

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Sempre piu' italiani vivono in condizioni di gravi difficolta' economiche: nel 2011 quasi 7 milioni di persone (6,7 milioni per la precisione), secondo il rapporto Bes redatto da Istat e Cnel e presentato oggi a Montecitorio alla presenza del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Si tratta di 2,5 milioni di persone in piu' in un anno (erano 4,2 milioni nel 2010). E la situazione economica non migliora nel nostro Paese: stando ai dati Istat quest'anno il Pil perde gia' l'1%. Tornando allo studio Cnel-Istata, se nel 2010 la percentuale di famiglie in condizioni di deprivazione era al 6,9%, accompagnata da una sostanziale stabilita' dei tassi di rischio di poverta' e di poverta' assoluta, nel 2011 la percentuale e' schizzata all'11,1%. La causa di questo disagio e' da ricercarsi in particolare nella caduta verticale del potere d'acquisto delle famiglie, sceso di cinque punti percentuali dal 2007 al 2011. Una contrazione che, tuttavia, si e' riflessa solo in parte sui consumi che in termini reali sono diminuiti solo dell'1,1%. Questo perche', spiega l'analisi, nei primi anni della crisi le famiglie hanno intaccato il patrimonio e risparmiato meno nel tentativo di mantenere il proprio standard di vita. Nello stesso quadriennio, sottolinea l'Istituto di statistica, la propensione al risparmio e' passata dal 15,5% al 12% per arrivare all'11,5% nel secondo trimestre del 2012. Una condizione che ha contribuito a peggiorare il rapporto tra i cittadini e le istituzioni e la politica.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]