italia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Pallanuoto

Londra 2012: Il Settebello batte l'Ungheria e vola in semifinale

  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Il Settebello torna a girare come un'orchestra e i giganti ungheresi finiscono al tappeto. Dopo alcune prove opache e i quarti conquistati con qualche sofferenza di troppo, la squadra di Sandro Campagna finalmente si esprime sui livelli di Shanghai. Il Mondiale non e' stato vinto per caso e la prestazione di ieri, contro i tre volte campioni olimpici, lo dimostra. L'Ungheria capitola per 11-9 dopo un finale-thrilling in cui si e' portata per due volte a -1 con i gol di Denes Vargas e Norbert Madaras. Per due volte, pero', e' stata ricacciata a distanza di sicurezza da Maurizio Felugo e Christian Presciutti. Reti importantissime, soprattutto quella di Felugo nel momento piu' difficile del match. Ora la sfida con la Serbia, incontrata e battuta in finale ai Mondiali di un anno fa. "Abbiamo fatto una grandissima partita sotto tutti i punti di vista", dice, quasi gia' senza voce, il ct azzurro Campagna. "Adesso siamo in semifinale ma la storia la fanno i vincenti e non ci accontentiamo", aggiunge. L'Italia, dopo una partita cosi', ci prende gusto. "Sul piano fisico li abbiamo messi sotto, sul piano mentale anche. Ma la differenza l'abbiamo fatta soprattutto a livello tattico", spiega ancora il ct. "Nel gioco d'attacco siamo stati pazienti, abbiamo fatto tre-quattro gol negli ultimi secondi di possesso palla e non ci siamo fatti prendere dalla frenesia nemmeno quando loro erano in fase di recupero". "La partita forse poteva essere piu' sciolta nel finale se quella palla che si e' fermata sulla linea fosse entrata", dice alludendo a un'occasione fallita dall'azzurro Danijel Premus. Questione di millimetri, ma tant'e'. "Saremmo andati a piu' quattro, invece sono tornati a meno uno. Ma al time out ho detto ai ragazzi di stare tranquilli e siamo tornati ad avere il controllo del gioco, e' una vittoria meritata". Qualche strigliata e' servita, ma il ct non ha mai dubitato del valore del gruppo: "I rimproveri servono al momento opportuno, loro mi rispettano perche' mi hanno anche visto rompere qualche sedia e hanno timore a rispondere fisicamente...", scherza Campagna. Il vero obiettivo, comunque, non e' stato ancora centrato: "Prima dicevo che serviva un'impresa per entrare nella storia e battere i campioni olimpici, ma la storia la fanno i vincenti. Se perdiamo la prossima partita ci si dimentica di tutto, dobbiamo pensare a vincere con la Serbia".

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]