italia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
curiosità

Informazione: gli italiani preferiscono il web alla carta stampata

Da una ricerca condotta da Censis e Ucsi "I media personali nell'era digitale"
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

E' un processo che sembra ormai inarrestabile, l'informazione passa al web.  I giovani prediligono Internet alla carta stampata: i giornali cartacei e, nello specifico, i quotidiani a pagamento, sono in netto calo. In soli due anni la loro percentuale di diffusione si è infatti ridotta di ben 7 punti percentuali. Resiste invece la televisione come mezzo più seguito. E' quanto emerge dal rapporto “I media personali nell’era digitale”, realizzato da Censis e Ucsi. Più di un italiano su due naviga sul web, (il 53,1% della popolazione italiana). In testa chiaramente i giovani, la cui percentuale sfiora addirittura i 90 punti. Ma se è vero che tra le 'fonti primarie' utilizzate per informarsi , il primo posto spetta, in linea generale, ancora alla televisione (con oltre l’80%), tra i giovani la questione cambia sensibilmente, il telegiornale resta ancora molto seguito  ma deve fare i conti con i motori di ricerca e social network (in particolare Facebook). Le percentuali si attestano tutti su livelli pressoché simili, cioè di poco superiori ai 60 punti. Se poi il criterio d'analisi diventa la 'credibilità' dei mezzi di informazione, telegiornali e giornali godono di una "bassa reputazione"; di contro invece spiccano i giornali radio e internet, giudicati "più liberi ".

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]