italia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Tripoli, ultimo atto?

Gheddafi in piazza semina odio contro l'Italia

Il Colonnello tra la folla nella piazza Verde: "Vinceremo come contro il colonialismo italiano"
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

"Vinceremo come contro il colonialismo italiano, il popolo armato può sconfiggere ogni attacco. Abbiamo recuperato la dignità del popolo, riuscendo addirittura a farci pagare i danni dall'Italia". Gheddafi sceglie la piazza Verde di Tripoli, il simbolo di un potere agonizzante, arroccato tra gli scontri a fuoco per sferrare l'ultimo attacco. E sceglie di incendiare gli animi insultando il Paese dove solo pochi mesi fa faceva sfoggio di amazzoni armate e tende berbere nel cuore di Roma. E' Il tentativo estremo di sopravvivere all'onda degli eventi che sta travolgendo il regime. Sceglie di giocare il tutto per tutto, il Colonnello, consegnando le chiavi dell'arsenale bellico agli ultimi fedelissimi e ai tanti mercenari provenienti dai paesi africani amici e non solo. Dallo Zimbabwe, per certo, il dittatore Robert Mugabe ha inviato un numero rilevante di miliziani per sostenere l'ultimo atto di una guerra civile che rischia di trasformarsi in un bagno di sangue di proporzioni inimmaginabili. Il presidente dello Zimbabwe avrebbe ance offerto asilo nel suo paese al leader libico, così come altri Stati africani. Ma le intenzioni del Colonnello paiono altre: "I depositi di armi sono aperti per armare il popolo e assieme combatteremo, sconfiggeremo e uccideremo chi protesta", ha tuonato. "Guarda Europa, Guarda America, questo è il popolo libico, questo è il frutto della Rivoluzione", ha concluso il leader libico. Con un invito al popolo tra la farsa e la tragedia titanica: "Rispondete alle tv e alle radio della menzogna. Ballate e siate felici". Ma la situazione sta precipitando. E, secondo quanto riporta il sito Debka, vicino all'Intelligence israeliana, sarebbero centinaia i militari e gli uomini dei servizi di Gran Bretagna, Stati Uniti e Francia già presenti nel Paese per sostenere la popolazione e gestire la battaglia finale.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]