italia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Diritti umani

Cina, moglie del Nobel Liu Xiaobo:"Siamo ancora in ostaggio"

La moglie dell'oppositore al regime riesce a collegarsi ad internet
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Immagine articolo - Il sito d'Italia

Liu Xia, moglie del premio Nobel per la pace, Liu Xiaobo, ha detto che lei e la sua famiglia sono ancora "tenuti in ostaggio". Le parole, pronunciate nel corso di una breve conversazione on line con un amico, che le ha riportate, costituirebbero i primi contatti con la donna dallo scorso ottobre, quando fu dato l'annuncio della vittoria del Nobel al marito. Le informazioni sulla situazione di Liu Xia sono da allora state pochissime. In un primo tempo si era ritenuto che la donna fosse stata messa agli arresti domiciliari nella casa di Pechino, dove viveva con il marito, mentre più di recente l'ipotesi più probabile sembra essere quella che Liu Xia si trovi presso l'abitazione dei suoi genitori. "Nessuno può aiutarmi, sono in una situazione miserevole - ha detto Liu Xia all'amico durante la conversazione in chat - non so come sono riuscita a collegarmi via internet. Non posso uscire, io e la mia famiglia siamo ostaggi". La conversazione ha poi avuto rapidamente fine quando l'amico le ha consigliato di chiudere la chat e disconnettersi per evitare maggiori problemi. Liu Xiaobo sta scontando una condanna di 11 anni di carcere per incitamento alla sovversione di stato come autore della Carta 08, un documento in cui si auspicano riforme democratiche nel paese e si affrontano anche diversi temi di natura politica considerati sensibili dal governo di Pechino. Alla consegna del premio Nobel il dissidente cinese è stato rappresentato da una sedia vuota in quanto nè alla moglie nè ad altri membri della famiglia o amici è stato consentito di recarsi ad Oslo a ritirare il premio in sua vece. Le autorità cinesi, subito dopo la notizia della vittoria del premio, misero anche sua moglie agli arresti domiciliari, impedendole da allora qualsiasi contatto con l'esterno.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]