italia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS

 

X
Warning: Creating default object from empty value in taxonomy_term_page() (line 33 of /var/www/pressflow/modules/taxonomy/taxonomy.pages.inc).

degrado urbano

Warning: Creating default object from empty value in taxonomy_term_page() (line 33 of /var/www/pressflow/modules/taxonomy/taxonomy.pages.inc).

Fiorenza: fiore appassito

Campanile di Giotto: chi lo controlla? - Nessuno!

Immagine articolo - Il sito d'Italia

"Da martedì prossimo i restauratori dell'Opera di Santa Maria del Fiore cominceranno i controlli della parte terminale del Campanile di Giotto di Firenze, utilizzando una piattaforma montata su autogru che è ritenuta la più alta esistente in Italia e che permetterà di giungere fino alla sua sommità, di oltre 84 metri". Bene, bravi, bis, chapeau! Che meravigla sapere che l'Opera del Duomo tiene tanto ai suoi monumenti e li protegge dagli agenti atmosferici, siamo commossi! Ma l'interno del Campanile chi lo controlla? Chi lo protegge dalle bestie che ogni giorno lo violentano? Nessuno! Oltre tre mesi fa, Il Sito di Firenze denunciò

Loggia dei Lanzi

Degrado: tradizione fiorentina

Immagine articolo - Il sito d'Italia

Firenze, 2 giugno 2011, in un caldo pomeriggio estivo la Loggia dei Lanzi rappresenta un luogo di sosta ideale per ripararsi dalla calura, ma anche per dedicarsi ad uno dei passatempi preferiti di chi visita le bellezze della Città del Fiore: sfregiare i momumenti. Pur essendo presidiate da uomini della sorveglianza ed almeno tre telecamere, le basi dove poggiano le statue dei Maestri sono meticolosamente incise: simboli nazisti, anarchici, messaggi politici e d'amore.

Firenze: fiore appassito

Il dovere di indignarci

Immagine articolo - Il sito d'Italia

Proponiamo per i lettori de Il Sito di Firenze, un interessantissimo articolo di Maurizio Naldini, Inviato Speciale de La Nazione, pubblicato sullo storico quotidiano fiorentino lo scorso 16 luglio. Nell'intervento Naldini si interroga sul perché a Firenze si accetti passivamente certi comportamenti da parte dei turisti, mentre in altri paesi, più o meno avanzati rispetto al nostro, tali eccessi non siano tollerati.

Incontro organizzato da La Nazione

La protesta degli abitanti di via Palazzuolo: "Non si vive più"

Immagine articolo - Il sito d'Italia

Si è tenuto ieri sera un incontro con i cittadini che abitano in via Palazzuolo e strade limitrofe ed alcuni rappresentanti delle Istituzioni. Il Dibattito è stato organizzato dallo storico quotidiano fiorentino La Nazione. Sono anni che la zona di via Palazzuolo è diventata una delle più degradate della città, i commercianti fiorentini abbassano le saracinesche ed i fondi vengono rilevati da extracomunitari che aprono attività che poco hanno a che vedere con la tradizione fiorentina.

Inciviltà e degrado

Fontanelli: si salvano solo quelli "protetti"

Immagine articolo - Il sito d'Italia

Recentemente Publiacqua ha reso noti i dati sui consumi dei "Fontanelli" installati in varie zone della città, che testimoniano il gradimento da parte dell'utenza. Prossimamente ne verranno realizzati altri ed alcuni degli esistenti saranno modificati per poter erogare anche acqua gassata. Purtroppo gli incivili che scorrazzano per il suolo fiorentino sono sempre pronti a dare manifestazione della loro stupidità, infatti solo i fontanelli che sono in aree protette da cancellate che vengono chiuse nelle ore notturne, si salvano da imbrattature ed affissioni abusive.

Renzi e il nuovo Centro di Firenze

"Operazione decoro": la parola ai commercianti di San Pierino

Immagine articolo - Il sito d'Italia

Negli scorsi giorni, il Sindaco di Firenze Matteo Renzi, dopo aver messo all'indice gli Internet point e i Money transfer, ha dichiarato guerra a Kebab e tutti quegli esercizi che non somministrano cibo di qualità, questo per migliorare la vivibilità del Centro sia sotto il profilo del decoro, sia del degrado che conseguentemente genera episodi di cronaca nera. Stando agli ultimi eventi, infatti, è indiscutibile che nei pressi di tali attività, a causa degli orari “molto elastici” delle suddette, si verificano spesso avvenimenti come risse e disturbo della quiete pubblica.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]