italia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X

Archivio POLITICA di dicembre 2010

HANNO DETTO NO ALL'ITALIA

Frattini: "Non lasceremo niente di intentato per riportare Battisti in una prigione italiana"

FERRERO (PRC): SILENZIO SUI PAESI DOVE SI NASCONDONO TERRORISTI NERI

Immagine articolo - italia domani

Il segretario di Rifondazione comunista Paolo Ferrero si smarca dalle proteste sul caso Battisti, cita l'ex presidente della Repubblica Francesco Cossiga e pone un netto distinguo sulla pioggia di critiche in vista della probabile negazione dell'estradizione dell'ex terrorista da parte del presidente del Brasile. Lo fa in un intervista a Repubblica nella quale sostiene "che sia l'esecutivo sia le forze politiche dovrebbero rispettare di più uno Stato come quello sudamericano".

BATTISTI, LA RUSSA: "INIZIATIVE DI BOICOTTAGGIO CON UN NO ALL'ESTRADIZIONE"

Immagine articolo - italia domani

"Nessuno pensi che il 'no' all'estradizione di Battisti sia senza conseguenze". Si esprime senza mezzi termini il minstro della Difesa Ignazio La Russa, che ìn un'intervista al Corriere della Sera si dice "pronto ad appoggiare iniziative di boicottaggio". Un 'no' di Lula, sottolinea, sarebbe "una grande ferita nei rapporti bilaterali", ma anche "un atto di grande mancanza di coraggio, perché lui se ne va, ma il Brasile resta".
E aggiunge che "la seconda motivazione circolata, quella cioè di preservare l'integrità di Battisti, "sarebbe peggio della prima che accusava la giustizia italiana".

APPELLO DEL PD A LULA: "DICA SI' ALL'ESTRADIZIONE'

Anche il Pd prende posizione sul caso Battisti, attraverso una lettera aperta con la quale chiede al presidente uscente Lula la concessione dell'estradizione. "Ci rivolgiamo al presidente del Brasile Lula, che, come dirigenti del Partito democratico e militanti da sempre del fronte progressista in Italia, abbiamo sempre apprezzato e sostenuto.

MALASANITA' PUGLIESE: I GIOVANI DEL PDL FANNO 'ZOPPICARE' VENDOLA

Immagine articolo - italia domani

E' visibilmente sotto schock Nichi Vendola dopo la contestazione ad opera di alcuni giovani del Pdl, ma non solo, nel suo feudo di Terlizzi.

BATTISTI, MELONI: PDL E GIOVANE ITALIA IN PIAZZA A FIANCO DI TORREGIANI

"Se il presidente Lula non concederà l'estradizione, sarò in piazza ai primi di gennaio insieme ai ragazzi della Giovane Italia, per dimostrare tutta la solidarietà dei giovani italiani ad Alberto Torregiani e ai familiari delle vittime".

CALDEROLI SMENTISCE BARATTO FEDERALISMO-LEGGE ELETTORALE

Immagine articolo - italia domani

Arriva secca attraverso una nota la smentitadi un accordo tra Lega, Fli e Pd per concludere l'iter della riforma federale in cambio di una nuova legge elettorale. "Come spesso accade nelle interviste con il quotidiano 'la Repubblica' - dichiara Calderoli - dici fischi nell'articolo e poi nel titolo appare fiaschi. Non ho mai proposto uno scambio tra il federalismo fiscale e la legge elettorale, come invece sembrerebbe apparire dal titolo della suddetta intervista.

FIAT, LA NUOVA ERA DI MIRAFIORI

Immagine articolo - italia domani

"Per lo stabilimento di Mirafiori inizia una nuova fase della vita. E adesso faremo partire gli investimenti previsti nel minor tempo possibile". Per Sergio Marchionne, amministratore delegato della Fiat, l'accordo firmato ieri dai sindacati, fatta eccezione per la Fiom, e dall'azienda, "è il miglior regalo di Natale che potessimo fare alle nostre persone. Ora - aggiunge - bisogna lavorare per realizzare il contratto collettivo specifico per la joint venture che consentirà il passaggio dei lavoratori alla nuova societa' Fiat-Chrysler".

LEGGE GELMINI

Immagine articolo - italia domani

L'aula del Senato ha dato il via libera definitivo alla riforma del sistema universitario.

LEGA: DIBATTITO IN AULA SUL RUOLO DI FINI. GIANFRANCO DICE NIET

Immagine articolo - italia domani

La Lega chiede con una lettera all'ufficio di presidenza della Camera, al presidente Fini e ai capigruppo, di valutare la calendarizzazione di un dibattito in Aula sul ruolo del presidente Gianfranco Fini.
a spiegare il capogruppo del Carroccio Marco Reguzzoni: "Le dimissioni stanno nella coscienza di ognuno, ma e' necessario che almeno il Parlamento possa esprimersi, perché a nostro avviso andando avanti così si lede la dignità delle istituzioni e si crea un precedente pericoloso". La richiesta è che la questione venga valutata già alla conferenza dei capigruppo dell'11 gennaio.

Manda i tuoi comunicati stampa a: [email protected]