italia
skyline
facebook twitter youtube Feed RSS
X
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Autunno caldo in Val di Sangro

Con la scusa del terremoto si lasciano in mezzo a una strada i lavoratori abruzzesi della Honeywell

La globalizzazione continua a mietere vittime
  • Notice: Undefined variable: node in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
  • Notice: Trying to get property of non-object in theme_fb_social_comments_block_comments_view() (line 116 of /var/www/pressflow/sites/all/modules/fb_social/modules/fb_social_comments/fb_social_comments.module).
Honeywell

I vertici della Honeywell, stabilimento che produce turbine per motori diesel in Val di Sangro, parlano di insicurezza dell'area territoriale di Atessa a causa della sismicità della zona per giustificare la scelta di dislocare la fabbrica in Slovacchia. Un fattore, quello dei terremoti, comune a quasi tutta la penisola italica. Sembrerebbe una scusa dietro cui si celano motivi economici legati alla globalizzazione e a particolari interessi francesi. Lasciamo la parola a Luca Caporale, sindacalista fiom-cgil, che ci aiuta a far luce su una vicenda che rischia di buttare in strada 420 lavoratori.

La storia di questa​ azienda parte nel 1981 quando apre la piaggio Adriatica. Successivamente vi sono vari cambi di proprietà fino alla definitiva acquisizione da parte della multinazionale americana honeywell.
La honeywell ha vari e diversi business tra cui quello della produzione di turbo compressori per auto.
Nel corso degli anni novanta e nei primi anni dello scorso decennio il nostro sito è costantemente cresciuto in termini numerici ed occupazionali. Fino al 2008 quando in seguito alla crisi finanziaria degli stati uniti si è iniziato un lento, ma inesorabile ridimensionamento.
I lavoratori stanno pagando da nove anni(attraverso il costante e praticamente ininterrotto utilizzo degli ammortizzatori sociali) un prezzo altissimo ad una crisi che in realtà non esiste nel momento del turbo.
Si è passati da  una produzione annua di 2.4 milioni nel 2006 a quella attuale di circa 700000 turbo compressori.
Quella che era partita come una crisi di sistema è divenuta in realtà una scelta ben precisa della corporate atta a vanificare i continui sacrifici dei lavoratori.
Infatti la produzione complessiva di turbo compressori da parte della honeywell in Europa sta progressivamente salendo (un milione in più dal 2015 al 2017) , ma le produzioni di atessa , al contrario continuano progressivamente a scendere.
Si tratta di scelte consapevoli atte esclusivamente a penalizzare la parte occidentale del gruppo in favore dei due nuovi siti produttivi orientali (Bucarest e presov).
Tutto ovviamente giustificato dall'eccessivo costo del lavoro del sito italiano( nonché del sito francese).
In sostanza penalizzare i siti storici a favore dei nuovi siti produttivi , senza considerare la professionalità e la flessibilità che atessa ha sempre garantito.
I risultati conseguiti da questo stabilimento sono eccezionali, tant'è che siamo considerati oggettivamente il miglior sito produttivo al mondo. Tutto questo, perché siamo stanno i primi in Italia a sperimentare il contrattuale week-end, i primi nel mondo honeywell a lanciare il nuovo sistema produttivo h.o.s.(honeywell operating system) , sistema che ha fruttato guadagni ingentissimi.
La nostra straordinaria capacità e' stata sempre e da sempre riconosciuta.
SIAMO I MIGLIORI IN EUROPA
Tutto questo però evidentemente non basta, in quanto il nuovo sito di presov è piu conveniente e perché il sito francese di thaon les vosges è piu potente politicamente all' interno del gruppo.
SIAMO oggettivamente MIGLIORI in termini prestazionali del sito francese (costi minori, produttività più alta, ecc..), ma se chi deve sceglierne è francese...
Insomma uno dei giocatori è anche l'arbitro della partita, della sera ti piace vincere facile.
La nostra protesta, scaturita dal piano di copiare integralmente il nostro sito in Slovacchia, attraverso una procedura di back-up con una spesa complessiva di trenta milioni di dollari è indiscutibilmente giusta e motivata.
Continuano a nascondere i loro piani  per paura delle conseguenze?
È mai possibile che una multinazionale che fattura milioni di dollari e che ha acquistato molti dei macchinari presenti nel nostro sito  e che continua a sfruttare la crisi attingendo agli ammortizzatori sociali da più di nove anni decidere in totale libertà di abbandonare questo paese? Una fabbrica che continua a produrre utile può essere dismessa esclusivamente per poter guadagnare di piu?
Si possono lasciare 420 persone senza stipendio in nome del neo-liberismo economico? Si possono prendere soldi pubblici senza nessuna garanzia occupazionale stabile? Ho cercato in breve di illustrare la nostra drammatica situazione, sperando che vi sia bastato.
Un ringraziamento a tutti coloro che si stanno interessando alla nostra situazione.

Manda i tuoi comunicati stampa a: redazione@ilsitoditalia.it